Nordic Running Italy

martedì 7 maggio 2019

International NORDIC RUNNING Race 2019

Click sulla locandina per andare direttamente al sito!


La seconda 🏆 GARA INTERNAZIONALE DI NORDIC RUNNING 🏆andrà in scena il 7 settembre 2019 nella Regione di Vysočina, Repubblica Ceca. Se siete Trail Runners o Podisti alla ricerca di nuove esperienze, Sciatori Nordici che preferiscono la tecnica classica o Nordic Walkers che di regola non possono correre in gara, non perdete questa occasione! 



venerdì 19 aprile 2019

Come allenarsi alla giusta INTENSITA' di sforzo tramite una percezione INTUITIVA?

Buongiorno amici ma soprattutto amiche! :D

Con l'aggiornamento di oggi, vi presento, in formato articolo, l'ultimo podcast caricato su YouTube che trovate in calce!

Per allenarsi alla giusta frequenza cardiaca esiste un utilissimo sistema, o se vogliamo una "scala" per descrivere le intensità di sforzo richieste in allenamento, che dal semplice jogging passa progressivamente a:

1) 1/4 di sforzo - Zona che io definisco di "impaninamento aerobico" in cui andiamo a svolgere la maggior parte degli allenamenti. Un jogging brillante.

2) 1/2 sforzo - Un ritmo aerobico leggermente superiore.

3) 3/4 di sforzo - Utile per innalzare la massima capacità aerobica, appena al di sotto della soglia anaerobica che virtualmente è un ritmo gara. Tipica sigla coniata da Orlando Pizzolato in riferimento a queste uscite è CLS (corsa lunga svelta).

4) 7/8 di sforzo - Allenamenti specifici per il ritmo gara, prove sul tempo ma senza tirarsi troppo il collo o spingere "a tavoletta".

5) Pieno sforzo - Solo in gara.

Il cardiofrequenzimetro o similari possono essere utilizzati per descrivere queste intensità molto accuratamente, ma è molto meglio, se possibile, correre in modo ISTINTIVO a parametri prestabiliti "a sensazione", dopo aver utilizzato il cardiofrequenzimetro.

Il Metodo Karvonen è il miglior metodo per determinare le intensità di allenamento e approfondiremo il discorso nelle prossime uscite!
Se desiderate avere maggiori informazioni su queste tematiche in modo personalizzato non esitate a contattarmi!

Salutandovi vi invito all'ascolto del mio ultimo Podcast, 👍LIKE👍 e iscrivetevi al mio canale di YouTube e come sempre... a bombazza!!! :D


giovedì 4 aprile 2019

Cosa serve per MIGLIORARE nello SPORT? (Video PODCAST #1)

Buongiorno amici ma soprattutto amiche!

Cosa serve per migliorare le proprie performance nella corsa e negli sport di endurance in generale? Nel primo Video PODCAST tematico sul canale, ho sintetizzato un ABC chiaro sui punti chiave e di facile attuazione per consentirvi di superare le fasi di stallo (fase plateau) nella preparazione atletica, sia a livello fisico che mentale!

A) PAZIENZA E COSTANZA

B) PASSIONE E DIVERTIMENTO

C) VARIETA' NEGLI ALLENAMENTI ed inserimento di NUOVI STIMOLI

Per tutto il resto vi rimando all'ascolto del PODCAST! A bombazza! 💣



👍LIKE👍 E ISCRIVETEVI AL MIO CANALE SE IL VIDEO VI E' PIACIUTO!
PER PROGRAMMI DI ALLENAMENTO PERSONALIZZATI CONTATTATEMI IN PRIVATO!

mercoledì 27 febbraio 2019

Buongiorno amici ma soprattutto amiche!! :D Multisportivi e non...

Quali sono i benefici ad ampio raggio nella pratica del NORDIC WALKING? Perchè tutti i runners "scassati" per usura articolare e cattiva tecnica dovrebbero iniziare a praticarlo? Qual'è il potenziale nell'applicazione di specifici protocolli di allenamento atti a migliorare le performance atletiche anche da un punto di vista MultiSportivo che di performance sulla corsa?

Grazie ad uno spunto riflessivo di Bruno Di Gioia - Direttore tecnico della Genova City Marathon e Istruttore di atletica, nel VLOG di oggi andiamo ad analizzare diversi aspetti e prospettive che riguardano la disciplina del Nordic Walking, in modo sintetico ma estremamente efficace.

Per chi ancora non mi conoscesse, o comunque mi conoscesse da poco, il Nordic Walking Sportivo e il Nordic Running rappresentano due importanti "pietre angolari" del mio sistema MultiSport Training, che dal 2009 cerco di divulgare con impegno costante e passione.

Per tutto il resto vi lascio alla visione del mio ultimo Vlog e come sempre... A bombaaazzaaa!!! 💣💣


***
SE DESIDERATE IMPARARE LA TECNICA DI ORIGINAL NORDIC WALKING SPORTIVO
E NORDIC SKI WALKING CONTATTATEMI 
👉 QUI

domenica 17 febbraio 2019

CORSA: Come mantenere la reattività dei piedi?

Buona domenica carissimi amici e Amiche! :D

Dal canale YouTube mi arriva questa interessantissima domanda: "Come possiamo fare per mantenere reattività e agilità di piedi dopo un periodo di costruzione delle fondamenta aerobiche in vista di gare sui 10 km e qualche mezza maratona?"

Con l'Hill Bounding migliora la reattività in salita
ma anche in piano; da qui l'importanza del potenziamento
specifico nella corsa. Nella foto: Cross Del Laghetto 2019
Bene, nell'articolo di oggi, che ha anche come scopo quello di lanciare il mio ultimo VLOG pubblicato e  che trovate qua sotto, vi illustrerò quattro esercizi relativamente semplici e di facile attuazione che eseguo io stesso, oltre che a consigliare ai miei allievi:

1) HILL BOUNDING: Esercizio amatissimo dal sottoscritto e dagli innegabili benefici sull'intera tecnica di corsa, si tratta di eseguire degli skip su rampe di salita entro i 60m - dando molta enfasi ad un'azione di spinta elastica del piede d'appoggio, con le caviglie che "operano" alla stregua di vere e proprie molle. Per sapere di più su questo esercizio cliccate QUI.

2) SPRINT CORTI ALATTACIDI: Tipici della settimana che porta alla gara e da fare non più tardi di martedi; si tratta di sprint (windsprints) sub-massimali solitamente da 50-100m e dall'egual recupero in jogging. Ci si concentra sulla tecnica di corsa e, appunto, sulla massima reattività di piedi. Eseguibili in tutta sicurezza per l'intero anno, anche in periodo agonistico, in quanto il sistema energetico coinvolto è quello della fosfocreatina intramuscolare che, su soggetti allenati, si rigenera velocemente dopo sprint entro i 15'' - oltre, il lavoro comincia a diventare lattacido con relativi prodotti di scarto muscolare.

3) SALTO CON LA CORDA: Un mio must da tempo immemorabile, i benefici ricavati da questa pratica sono innumerevoli e non starò ad elencarli ancora. Vi basti sapere che con questo attrezzo dalla spesa irrisoria e dall'altissima resa è possibile effettuare tutti i preatletici necessari alla corsa senza andare a ricercare troppe sofisticazioni pistaiole :D. Massimo con il minimo quindi... talmente facile che molti atleti, non essendo in grado di saltare per poca coordinazione e reattività di piedi, incredibilmente la snobbano!

4) SCALINI/GRADONI: Ultimi in questa lista, ma di certo non meno efficaci sono gli scalini e/o i gradoni dello stadio. Tipici di chi non ha zone collinari o comunque salite su cui allenarsi, permettono di eseguire un'egregia simulazione di su e giù o se preferite ondulato. Anche in questo caso, molte combinazioni di salti sono possibili - uno, due scalini alla volta, salti a piedi uniti! Massimo spazio è dato alla creatività dell'atleta, ma ricordatevi di non improvvisare! Nel dubbio, cercate sempre consiglio in un preparatore! L'esercizio di Hill Bounding può essere adattato per i gradoni (stair climbing), con grandi soddisfazioni!

Per tutto il resto vi invito alla visione del mio ultimo VLOG qua sotto 👇 E come sempre! A 💣💣💣


👍LIKE👍 E ISCRIVETEVI AL MIO CANALE DI YOUTUBE!
**PER PROGRAMMI DI ALLENAMENTO PERSONALIZZATI "AD HOC" CLICK 👉 QUI
**CONTATTO RAPIDO CLICK 👉 QUI

sabato 26 gennaio 2019

PREVENZIONE INFORTUNI - L'ABC delle Ovvietà?

Buonasera miei cari amici ma soprattutto amiche sportive!

Quali protocolli di allenamento consiglierei in tema di "Prevenzione Infortuni" nella Corsa, ma anche nelle attività di fitness e altro ancora? In questa pillola di Vlog vediamo assieme alcune metodiche preventive pre e post allenamento che faccio io stesso, di facilissima attuazione, veri e propri ABC che apparentemente potranno sembrare delle ovvietà... ma sarà davvero così? :D

BUONA VISIONE! E come sempre A 💣💣

👍LIKE👍 E ISCRIVETEVI AL MIO CANALE DI YOUTUBE!
PER FARVI SEGUIRE DA ME CON PROGRAMMI DI ALLENAMENTO PERSONALIZZATI CLICK 👉 QUI
CONTATTO RAPIDO CLICK 👉 QUI

mercoledì 16 gennaio 2019

AEROBICO e ANAEROBICO: La programmazione dell'allenamento

Buonasera a tutti gli amici ma soprattutto alle amiche sportive! :D

Aerobico e Anaerobico in un ciclo di allenamento... rullo di tamburi!! 😃 Quando? Come? E perchè? Per lanciare questo nuovo aggiornamento con relativo VLOG a corredo caricato pochi giorni fa su YouTube e che trovate in calce, utilizzerò un estratto da un commento molto interessante che ho ricevuto, o, per meglio dire, una domanda molto riflessiva:


 "Serve veramente la corsa lenta, così tanto sopravvalutata da un sacco di canali di running coach?"
(Massimo C.)

La corsa lenta serve esattamente come tutti gli altri ingredienti che, nel loro insieme, compongono una preparazione atletica; ma bisogna specificare dove va inserita in un ciclo periodizzato di allenamento, sempre in riferimento ai vari livelli della piramide del condizionamento e al tipo di atleta che un preparatore/trainer si trova di fronte.

Infatti, la corsa lunga e lenta per un atleta evoluto servirà a ben poco se l'obiettivo è migliorare la propria performance sulla corsa e verrà per lo più utilizzata a fini rigeneranti, o se preferite di scarico gara o allenamenti di natura intensa, lattacida o qualitativi; come infatti ho specificato nella risposta alla domanda qua sopra: 

"Pensare che il Lungo o il Lunghissimo vadano corsi a ritmo lento è infatti un errore, se il fine è la prestazione. Per fare in modo che la sessione sia efficace, con la necessaria "pressione aerobica" allenante,  il ritmo dovrebbe essere una via di mezzo tra un jogging e una gara sui 10km in pratica.. quindi ne troppo lento, ne troppo veloce.. svelto!" 

Questo per farvi capire che, senza andare a scomodare troppi "tecnicismi" da fisiologia dello sport - un atleta mediamente evoluto o in cerca di miglioramenti, difficilmente utilizzerà la corsa lunga lenta ritornando alla base della piramide (se non, appunto, per ragioni di recupero attivo), cioè alla costruzione delle fondamenta aerobiche, come invece in molti vogliono farvi credere.

Diverso invece il discorso per atleti novizi che hanno bisogno di condizionare gambe e mente alla tenuta sulle lunghe distanze... in sessioni di costruzione in cui il "mantra" sarà: "la distanza è più importante della velocità", ecco che il lungo lento per sviluppare mitocondri assumerà una certa importanza.

Per questo e molto altro vi invito a continuare con la visione del mio ultimo VLOG!! E come sempre.. A 💣💣

👍LIKE👍 E ISCRIVETEVI AL MIO CANALE DI YOUTUBE!!
PER FARVI SEGUIRE DA ME CON PROGRAMMI DI ALLENAMENTO
PERSONALIZZATI CLICK 👉 QUI